Produzione

50 giorni di cinema internazionale a Firenze

Bardini Contemporanea

Base

Biennale di Venezia

CANGO

Estate Fiorentina

Fabbrica Europa

Festival dei Popoli

Fondazione Targetti

Fosca

Galleria d'Arte Moderna di Palazzo Pitti

Il Vivaio del Malcantone

Kinkaleri

Krypton/Teatro Studio

Lo schermo dell'arte

Middle East Now

Museo Marino Marini

Musicus Concentus

Pitti Discovery

Quelli della Compagnia

River to River

Senzacornice | Laboratorio di ricerca e formazione per l’arte contemporanea

Studio Marangoni

Teatro della Limonaia

Tempo Reale

Tusciaelecta

Villa Romana

Virgilio Sieni / Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza

XING

Search

Attività

Arti visive

Fotografia

Editoria

Danza

Musica

Cinema

Teatro

Performing Art

Architettura

Festival

Anno

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2008

2007

Produced

River to River

River to River 2011 - Florence Indian Film Festival

Evento inserito nella rassegna 50 Giorni di Cinema 2011

20.10.2011

River to River. Florence Indian Film Festival, con il Patrocinio dell’Ambasciata dell’India, quest’anno all’XI edizione si terrà dal 2 all’8 dicembre 2011 presso il cinema Odeon di Firenze, sotto l’egida di Regione Toscana e Fondazione Sistema Toscana Mediateca Regionale all’interno della Cinquanta Giorni di Cinema Internazionale a Firenze.

Con la collaborazione del National Film Development Corporation di Mumbai, Angel Television e Chhayabani Films, il Festival renderà omaggio al Premio Nobel per la Letteratura Rabindranath Tagore (1861-1941), poeta, drammaturgo e filosofo indiano, a 150 anni dalla sua nascita, data importante anche per il nostro Paese che ha festeggiato proprio quest'anno i 150 anni dell'Unità nazionale.

Il Festival è organizzato con il contributo del Ministero per i Beni e la Attività Culturali - Direzione Cinema, Regione Toscana e Fondazione Sistema Toscana Mediateca, Assessorato alla Cultura del Comune di Firenze, nonché di Ente Cassa di Risparmio di Firenze insieme a OAC, e Ufficio Nazionale del Turismo Indiano di Milano. Prezioso il sostegno degli sponsor Angela Caputi Giuggiù, Hotel Roma, Instyle, Jet Airways, Klopman, Lisa Corti Firenze, Sport Clinic Center e ristorante indiano Zafferano, oltre alla collaborazione con CTS e Palazzo Tornabuoni e al Patrocinio dell’Associazione Italia-India.


 

Filtri: River to River, Festival, Cinema, 2011

Lo schermo dell'arte

Lo schermo dell'arte 2011

Lo schermo dell'arte 2011 - 0 Lo schermo dell'arte 2011 - 1 Lo schermo dell'arte 2011 - 2 Lo schermo dell'arte 2011 - 3

1/4

Evento inserito nella rassegna 50 Giorni di Cinema 2011

20.10.2011

Quattro i giorni di proiezioni, quindici i film, numerose le anteprime italiane, Sarah Morris, Armin Linke, Omer Fast, Corinna Belz tra gli artisti e registi ospiti della IV edizione de Lo Schermo dell'Arte Film Festival, al Cinema Odeon di Firenze. Tra le pellicole in programma ricordiamo i due film di Sarah Morris Points on a Line e Chicago arricchiti dalle musiche di Liam Gillick; Over Your Cities Grass Will Grow, il film di Sophie Fiennes su Anselm Kiefer; Urs Fischer di Iwan Schumacher e How are you dedicato alla coppia scandinava Elmgreen & Dragset;  il commovente 1395 Days Without Red con cui Anri Sala ha portato il dramma dell’assedio di Sarajevo sul grande schermo;  e infine il toccante ritratto di Gerhard Richter di Corinna Belz che ha concluso la programmazione del festival. 

Il Premio Lo schermo dell’arte Film Festival 2011 è andato ad Alterazioni Video per il progetto Incompiuto siciliano. La trasformazione del reale. Per la prima edizione di Mobiles - un nuovo programma espositivo che, in luoghi diversi dalla sala cinematografica, presenta singole opere di artisti internazionali legate alle moving images e ai new media -  i Cantieri Goldonetta hanno ospitato Talk Show di Omer Fast. Il festival si è avvalso della collabrazione del Museo Marino Marini, del Centro Pecci e di CCC Strozzina.

 



 

Filtri: Lo schermo dell'arte, Festival, Cinema, Arti visive, 2011

Museo Marino Marini

joão maria gusmão e pedro paiva

13.11.2011

Il Museo Marino Marini presenta la mostra Non c'è più niente da raccontare perché questo è piccolo, come ogni fecondazione' di João Maria Gusmão e Pedro Paiva, i due artisti che hanno rappresentato il Portogallo alla Biennale di Venezia del 2009. La mostra è curata da Nuno Faria e Alberto Salvadori.

I due artisti sono riusciti a realizzare un notevole percorso artistico-intellettuale raggiungendo, come pochi altri nell'arte contemporanea, alti livelli di sofisticazione filosofica e riflessiva attraverso i loro film (in 16 e 35 mm), dove la loro visione materialista del mondo è frutto dell’intreccio dei codici della patafisica, della scienza e dell'arte. il lavoro degli artisti ci introduce ad una riflessione sul mondo attraverso l'assurdo, il burlesco e la magia e recuperando le qualità primitive dell'infanzia del cinema.

Per questo progetto che segue le recenti presentazioni alla kunsthalle di düsseldorf e a le plateau di parigi, jmg/pp propongono un insieme eterogeneo di sculture e filmati realizzati fra il 2006 e il 2011. Com'è consuetudine nel modus operandi di jmg/pp, alcune fra le più recenti opere di questa mostra sono state realizzate durante viaggi di lavoro, nella fattispecie a Catania e a São Tomé e Príncipe. I lavori inediti sono prodotti dalla Fondazione Marino Marini e OAC e la scultura Spaghetti tornado,  grazie al sostegno della Fondazione Brodbeck di Catania.

 

Filtri: Museo Marino Marini, Cinema, Arti visive, 2011

Pitti Discovery

Guest Nation Brazil…Tudo é

14.6.2011

Pitti Immagine, la Fondazione Pitti Discovery e l' OAC, in occasione di Pitti Uomo n.80 e Pitti W n.8, presentano la prima edizione di Pitti Guest Nation, il progetto dedicato ai nuovi protagonisti dell'economia mondiale, con l’intento di favorire lo scambio e la conoscenza reciproca tra paese ospitante e paese ospitato.
La prima Guest Nation sarà il Brasile. Negli spazi della ex-Esattoria della Cassa di Risparmio di Firenze, da martedì 14 a giovedì 16 andrà in scena il progetto artistico curato da Alberto Salvadori e Andrea Lissoni. 
 
Guest Nation Brazil...Tudo é sarà infatti anche una rassegna di arti visive, musica, cinema e performance come elementi costitutivi, proponendosi come ideale visione di un paese, il Brasile, che racchiude in sé la continuità della tradizione e le radici del modernismo sudamericano, con la più contemporanea espressione estetica, in grado di amalgamare le diverse emergenze creative dell'oggi. 
Per quattro giorni artisti come Cinthia Marcelle, Runo Lagomarsino, Pablo Nenflidio, Jarbas, gli “inclassificabili” artisti visivi e musicisti Chelpa Ferro, musicisti come Siri ma anche dj e produttori come Nado Leal, Maga Bo, Dj Rupture e il celebre duo dei Tetine, sveleranno una geografia del pensiero e del desiderio in forte espansione, facendo sì che Firenze e il Brasile possano incontrarsi generando un impasto e un’amalgama originale, dove la libertà di pensiero, di espressione, di fantasia e di immaginario, costituiranno il fulcro di Tudo é.
 

 

Filtri: Pitti Discovery, Performing Art, Musica, Danza, Arti visive, 2011

Fabbrica Europa

Worlds of Culture

Worlds of Culture - 0 Worlds of Culture - 1 Worlds of Culture - 2

1/3

04.5.2011

Worlds of Culture è il titolo dell'edizione 2011 del Festival Fabbrica Europa, che - in programma dal 4 al 28 maggio alla Stazione Leopolda e in altre sedi - apre una nuova indagine sulle tante isole culturali, sui territori che, pur facendo parte di quel mondo globale che è oggi il nostro continente, conservano un’identità riconoscibile e un’originalità feconda. Fabbrica Europa accoglie progetti e produzioni nazionali e internazionali di riconosciuti maestri e di una nuova generazione di artisti che, mediante la contaminazione tra discipline diverse, ampliano l’orizzonte dei linguaggi artistici contemporanei. Con un articolato programma di eventi di danza, teatro, musica, installazioni, workshop e incontri, il Festival è l'occasione per tracciare una mappa sempre più aggiornata delle riflessioni che attraversano l’Europa contemporanea.

L'apertura è affidata a Alain Platel, maestro del panorama europeo e tra gli altri ospiti e produzioni di quest'anno ricordiamo la prima di Missa Ockeghem, frutto della collaborazione tra Homme Armé e Tempo Reale; Zita Swoon in collaborazione con Anne Teresa de Keersmaeker; i norvegesi Verdensteatret e Zero Visibility, Virgilio Sieni, Anna Stigsgaard e Roberto Bacci, T.R.A.S.H, Santasangre e molto altro ancora. 

Scarica il comunicato stampa ufficiale e il calendario giorno per giorno.

Filtri: Fabbrica Europa, Teatro, Performing Art, Musica, Festival, Danza, 2011

Musicus Concentus

Adriana Calcanhotto

Evento inserito nella rassegna Crescendo

02.11.2010

In occasione dell'uscita recente del disco 'O Microbio Do Samba' - il titolo del disco si rifà ad una dichiarazione di Lupicinio Rodriguez, il grande sambista, che espulso da scuola a 5 anni perché passava tutto il tempo a suonare il tamburo e cantare, si scusò dicendo che aveva contratto 'il batterio del samba'…. - il Cinema Odeon di Firenze ospita la data unica italiana e l'anteprima europea di Adriana Calcanhotto, una delle artiste più affascinanti del nuovo corso della Musica Popular Brasileira, cantautrice e performer spesso paragonata a Caetano Veloso con cui condivide la ricerca di nuove poetiche sonore. 

l nuovo disco vede Adriana Calcanhotto alle prese con l’universo del samba. Potete ascoltare un'anteprima del video con Eu Vivo a Sorrir.

Il 28 aprile, dalle 21.30 al Cinema Odeon di Firenze: Adriana Calcanhotto voce, chitarra, Davi Moraes chitarra, Alberto Continentino contrabbasso, Domenico Lancellotti batteria.

Il concerto rientra nella programmazione di CRESCENDO, un progetto di Musicus Concentus, Osservatorio Per Le Arti Contemporanee Ente Cassa Di Risparmio Di Firenze, Teatro Della Pergola. GLORYTELLERS un progetto di Musicus Concentus, Le Nozze Di Figaro, Reality Bites.

Filtri: Musicus Concentus, Musica, 2011

Kinkaleri

Ascesa e caduta

25.2.2011

Aufstieg und Fall der Stadt Mahagonny rappresenta il capolavoro che legò l'autore teatrale Bertolt Brecht al musicista Kurt Weill alla fine degli anni Venti. La vera grandezza dell'opera non risiede solamente nella sua capacità di anticipare i tempi, di descrivere l'anarchia della società dei consumi, la falsità e l'insita debolezza del sistema capitalista ma anche nella sua forma di rappresentazione.

A&C è un'opera che mischia i linguaggi, le lingue, la cultura alta e bassa, un'opera quasi musical che fonde musica e parole rendendo il lavoro territorio fertile per una serie di virtuosismi fuori dal comune.

Kinkaleri prova ora a restituire parola e azione a Brecht con un one-man-show che si sviluppa sulla superficie di un tavolo come un mondo intero, semplice e complesso nelle relazioni di forza. Gli elementi cardini dell’opera brechttiana sono assunti come elementi fondanti e sviluppati in un movimento circolare dove performer e storia narrata si fondono in un’unica cosa, forse l'unico modo per poter dire o mostrare Brecht senza la sensazione si consumare surgelati.

progetto> Kinkaleri 

con > Marco Mazzoni
produzione > Lunatica Festival / Castello in Movimento / OAC 
con il supporto di > Xing

un ringraziamento particolare a > Maria Luisa Pacelli e PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Ferrara 

Filtri: Kinkaleri, Teatro, Performing Art, 2011