Produzione

50 giorni di cinema internazionale a Firenze

Bardini Contemporanea

Base

Biennale di Venezia

CANGO

Estate Fiorentina

Fabbrica Europa

Festival dei Popoli

Fondazione Targetti

Fosca

Galleria d'Arte Moderna di Palazzo Pitti

Il Vivaio del Malcantone

Kinkaleri

Krypton/Teatro Studio

Lo schermo dell'arte

Middle East Now

Museo Marino Marini

Musicus Concentus

Pitti Discovery

Quelli della Compagnia

River to River

Senzacornice | Laboratorio di ricerca e formazione per l’arte contemporanea

Studio Marangoni

Teatro della Limonaia

Tempo Reale

Tusciaelecta

Villa Romana

Virgilio Sieni / Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza

XING

Search

Attività

Arti visive

Fotografia

Editoria

Danza

Musica

Cinema

Teatro

Performing Art

Architettura

Festival

Anno

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2008

2007

Produced

Bardini Contemporanea

Cythère

29.11.2008

Esistono enigmatiche ambivalenze nei rapporti tra mente e mondo, architettura e natura. Costruiamo narrazioni di natura nel cuore stesso delle città. Quali sono gli usi politici e sociali della natura? Quale il desiderio che sospinge le finzioni 'biofile'? Nel riflettere sulle pratiche di conservazione e archiviazione, Cythère - la mostra di Michele Dantini e curata da Alberto Salvadori negli ambienti di Villa Bardini - allude nel titolo al celebre quadro di Watteau e all’isola dimora di Afrodite, al tempo stesso meta di pellegrinaggio e premio d’amore.

Il progetto, realizzato attraverso estensive campagne di ricerca e fotografiche in istituzioni museali dedicate al contemporaneo e contesti spesso poco noti o non accessibili al pubblico, è una sorta di inchiesta selettiva e frammentaria sulla mente umana, un tentativo di saggio di antropologia dell’immateriale condotto attraverso l'attenzione alle finzioni di distanza, spostamento, splendore; ai dispositivi, le segnaletiche, le linee di consolidamento o frattura dell'illusione e gli artifici che l'hanno sorretta e generata.

In mostra, negli ambienti della villa, una serie completa di fotografie di grande formato e un’installazione di disegni sul tema del viaggio e dell’isola.

Filtri: Bardini Contemporanea, Fotografia, Arti visive, 2008

Bardini Contemporanea

Luis Molina-Pantin

Luis Molina-Pantin - 0 Luis Molina-Pantin - 1 Luis Molina-Pantin - 2

1/3

25.6.2008

Per la prima volta a Firenze vengono esposte le fotografie dell’artista venezuelano Luis Molina- Pantin.

A Villa Bardini una selezione di lavori - New landscapes, Chelsea Galleries e Studio informale sull’architettura ibrida, Vol. I. La Narco-Architettura e i suoi apporti alla comunità (Calì-Bogotá, Colombia) 2004-2005  - ripercorre la ricerca di Pantin dalla fine degli anni ‘90 fino ad oggi.

La ricerca che emerge dall’insieme dei lavori esposti rimanda ad un’idea di paesaggio immaginifico, metafisico, legato al ricordo, all’idea di souvenir, mettendoci di fronte alla presenza dell’assenza di un luogo, di un oggetto, di una terribile storia di sfruttamento e arricchimento tramutata in una grottesca allegoria architettonica.
Pantin ci porta a riflettere sulla scomparsa, sulla trasmutazione, partendo dalla teoria di origine hegeliana della sovrapposizione tra soggetto ed oggetto, arrivando a Deleuze e alle sue riflessioni tra differenza e ripetizione, approdando infine a Bourriad e alla sua estetica della post produzione. La sparizione, la dissolvenza dell’oggetto, dell’opera, dell’architettura come soggetti e la loro nuova connotazione sono alla base della fotografia e della ricerca di Pantin, assieme allo spirito archivistico, creatore di campionari che suppliscono alla reale esperienza, denudando l’incapacità e l’immobilismo umano di fronte alla seduzione dell’inganno scenico.

Filtri: Bardini Contemporanea, Arti visive, 2008