Produzione

50 giorni di cinema internazionale a Firenze

Bardini Contemporanea

Base

Biennale di Venezia

CANGO

Estate Fiorentina

Fabbrica Europa

Festival dei Popoli

Fondazione Targetti

Fosca

Galleria d'Arte Moderna di Palazzo Pitti

Il Vivaio del Malcantone

Kinkaleri

Krypton/Teatro Studio

Lo schermo dell'arte

Middle East Now

Museo Marino Marini

Musicus Concentus

Pitti Discovery

Quelli della Compagnia

River to River

Senzacornice | Laboratorio di ricerca e formazione per l’arte contemporanea

Studio Marangoni

Teatro della Limonaia

Tempo Reale

Tusciaelecta

Villa Romana

Virgilio Sieni / Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza

XING

Search

Attività

Arti visive

Fotografia

Editoria

Danza

Musica

Cinema

Teatro

Performing Art

Architettura

Festival

Anno

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2008

2007

Produced

Studio Marangoni

Pictures in Pictures

Evento inserito nella rassegna Incursioni. Ciclo di conferenze e seminari

10.11.2008

Abelardo Morell nasce a l'Avana nel 1948, ma appena quattordicenne emigra con la famiglia negli Stati Uniti. Sin da giovane capisce che attraverso la fotografia puà dare libero sfogo al suo tumulto interiore e all'alienazione che alberga in lui, straniero in terra straniera.

Attento agli aspetti materiali che la lente della macchina fotografica è per sua natura portata a catturare e magnificare, è anche desideroso di esprimere il lato metafisico e trascendente delle cose, con spirito dissacrante e avventuroso.

Per il ciclo di incontri Incursioni, Morell è stato ospite dello Studio Marangoni.

Filtri: Studio Marangoni, Fotografia, 2009

Studio Marangoni

German Photography

Evento inserito nella rassegna Incursioni. Ciclo di conferenze e seminari

10.11.2008

a personal approach.

Conferenza di Wolfgang Zurborn

Filtri: Studio Marangoni, Fotografia, 2008

Studio Marangoni

Drift

Drift - 0 Drift - 1

1/2

20.11.2008

La Fondazioni Studio Marangoni presenta Drift, una mostra personale dedicata al fotografo tedesco Wolfgang Zurborn, che mette in mostra 'il sublime nella ridicola condizione della vita moderna'. 

Il suo lavoro analizza le fratture del mondo moderno, nelle sue costanti sovrapposizioni di immagini e contesti. Con uno spiccato senso dell’humour, Zurborn crea una collisione tra più strati di immagini combinate in una stessa fotografia e tutto il quotidiano che ci circonda, visto sotto la sua lente, appare in aspetti molto più sensuali e sorprendenti.

Filtri: Studio Marangoni, Fotografia, 2008

Studio Marangoni

Arte fotografia territorio

Evento inserito nella rassegna Incursioni. Ciclo di conferenze e seminari

10.11.2008

Un'introduzione alle nuove pratiche culturali.

Incontro con Claudia Zanfi in cui sono stati presentati alcuni esempi di pratiche sociali e territoriali indagando il ruolo delle installazioni urbane, della fotografia e del design, nell'esperienza pluriennale dei progetti Going Public e Green Island.

Claudi Zanfi ha fondato e dirige aMAZE Cultural Lab

Filtri: Studio Marangoni, Fotografia, 2008

Studio Marangoni

Interpretare il territorio

Interpretare il territorio - 0 Interpretare il territorio - 1 Interpretare il territorio - 2 Interpretare il territorio - 3 Interpretare il territorio - 4

1/5

25.10.2008

Interpretare il territorio è una mostra fotografica realizzata dagli studenti del Liceo Artistico Alberti e del liceo Scientifico Castelnuovo.

L'esposizione è il risultato di un progetto di indagine fotografica sul territorio fiorentino durante il corso di fotografia tenuto dagli insegnanti della Fondazione Studio Marangoni Simone Bacci e Gianluca Maver.

Hanno esposto i propri lavori: Andrea Amico, Camilla Blasi, Angela Busato, Filippo Cosi, Pietro Daviddi, Costanza De Biase, Giacomo Fantechi, Niccolò Ferragamo, Martina Foggi, Alessandro Gentili, Caterina Giovannetti, Francesca Isoldi, Caterina Lotti, Lorenzo Luzzi, Filippo Moraldi, Chiara Moretti, Giulia Puliti, Diana Quercioli, Eleonora Vannuzzi, Lorenzo Vilani.

Filtri: Studio Marangoni, Fotografia, Arti visive, 2008

Studio Marangoni

Dutch Dare

Dutch Dare - 0 Dutch Dare - 1 Dutch Dare - 2 Dutch Dare - 3 Dutch Dare - 4

1/5

26.6.2008

Dutch Dare - curata da Frits Gierstberg - è una panoramica sulla fotografia olandese, conosciuta a livello internazionale per la sua freschezza, il suo realismo, la sua ricerca - qualche volta spavalda - della bellezza, il suo minimizzarla e il suo approccio lievemente ironico.

In più, l'Olanda ha una forte tradizione documentaria. Problematiche correnti nella società olandese si dipanano tra paesaggio e la sua urbanizzazione, e tra identità e cultura riflettendosi nel lavoro dei fotografi. Colpisce che i generi tradizionali della pittura olandese, come il ritratto e il paesaggio, siano ugualmente importanti nella fotografia contemporanea. Dutch Dare presenta fotografie e video di artisti olandesi. Attraverso la presentazione della ‘fotografia contemporanea' olandese, l'approccio all'Olanda avviene a due livelli, in modo che alcune congetture stereotipate sul paese possano essere corrette o discussione. Gli artisti in mostra sono Hans van der Meer, Julika Rudelius, Gerco de Ruijter, Marike Schuurman, Gert Jan Kocken, Marnix Goossens, Elspeth Diederix, Martine Stig 

Filtri: Studio Marangoni, Fotografia, 2008

Studio Marangoni

Poetica

Poetica - 0 Poetica - 1

1/2

19.1.2008

I lavori dell'artista madrileno Chema Madoz sono da sempre al limite dell’illusione ottica e del fantastico.

Catherine Coleman, curatrice della mostra alla fsm, scrive: 'Chema Madoz ha basato la sua poetica fotografica sull'iconografia degli oggetti quotidiani, sullo sfondo dei quattro elementi (acqua, fuoco, aria e terra). Madoz distorce le caratteristiche naturali di questi elementi oppure usa le stesse qualità per accentuare un aspetto particolare dell'oggetto in questione per creare un effetto differente. Questa combinazione si esplica all'interno di una cornice che spesso mette in discussione il nostro concetto di spazio e tempo'.

Filtri: Studio Marangoni, Fotografia, 2008

Studio Marangoni

Googlegrams

Googlegrams - 0 Googlegrams - 1 Googlegrams - 2

1/3

08.11.2007

Sembrano i pixel del computer le minuscole immagini che osservate da lontano, ingannano l’occhio componendo un’unica foto. È Joan Fontcuberta che ci sorprenderà con le sue opere in trompe-l’oeil tratte da Googlegrams, in esposizione alla Fondazione Studio Marangoni Gallery.

Queste foto sono frutto di un lavoro elaborato, che vede protagonista il famoso motore di ricerca su internet, qui trasformato nella sorgente che origina i tasselli di ognuno di questi mosaici. Le immagini sono state selezionate da Google attraverso precise chiavi di ricerca, per poi essere riunite in un'immagine più grande che mette in evidenza - spesso in maniera provocatoria - le relazioni tra le parole e le immagini. Come sottolinea l'artista, internet stesso è 'la suprema espressione di una cultura che dà per scontato che registrazioni, classificazioni, interpretazioni, archiviazioni e narrazioni per immagini siano inerenti a una completa gamma di azioni umane, da quelle più private e personali a quelle più scoperte e pubbliche'

Nel mirino alcuni dei temi che hanno scosso l’opinione pubblica: famosa, della serie Googlegrams, la grande immagine dei prigionieri torturati ad Abu Ghraib generata con immagini degli stessi pubblici ufficiali coinvolti nello scandalo. Joan Fortcuberta usa infatti le sue foto come strumento di denuncia, col quale puntare il dito con forza su alcune scottanti notizie di cronaca e di attualità.

Filtri: Studio Marangoni, Fotografia, Arti visive, 2007

Studio Marangoni

True Loving

True Loving - 0 True Loving - 1

1/2

03.10.2007

True Loving di Jordi Bernadó descrive con straordinario umorismo luoghi sconosciuti degli Stati Uniti contraddistinti da nomi suggestivi come Paradise, Utopia e Eden. Per realizzare le sue fotografie, Bernadó parte dal nome del luogo e ricerca storie, racconti e situazioni fuori dal comune.

Le fotografie sono il risultato di itinerari casuali che lo hanno portato a destinazioni che non rientrano nelle guide turisiche. True Loving è una mostra e un libro che vuole essere contaminato dal mondo delle immagini e della letteratura; Bernadó utilizza le sue fotografie come parole che raccontano una storia, osserva gli Stati Uniti e le idee legate alla sua storia dall'interno della nostra immaginazione collettiva per comprendere il momento attuale. Ogni capitolo esplora mondi diversi e li trasforma in luoghi immaginari. L'interesse di Jordi Bernadó per la fotografia si concentra nel modo di concepire la città, l'architettura e la struttura urbana. Contraddizione, assurdità, casualità e spesso ironia sono le sorgenti di ispirazione con le quali Jordi Bernadó flirta e che utilizza per sottolineare quello che lo circonda.

Filtri: Studio Marangoni, Fotografia, 2007