Produzione

50 giorni di cinema internazionale a Firenze

Bardini Contemporanea

Base

Biennale di Venezia

CANGO

Estate Fiorentina

Fabbrica Europa

Festival dei Popoli

Fondazione Targetti

Fosca

Galleria d'Arte Moderna di Palazzo Pitti

Il Vivaio del Malcantone

Kinkaleri

Krypton/Teatro Studio

Lo schermo dell'arte

Middle East Now

Museo Marino Marini

Musicus Concentus

Pitti Discovery

Quelli della Compagnia

River to River

Senzacornice | Laboratorio di ricerca e formazione per l’arte contemporanea

Studio Marangoni

Teatro della Limonaia

Tempo Reale

Tusciaelecta

Villa Romana

Virgilio Sieni / Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza

XING

Search

Attività

Arti visive

Fotografia

Editoria

Danza

Musica

Cinema

Teatro

Performing Art

Architettura

Festival

Anno

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2008

2007

Produced

Tempo Reale

Tempo Reale Festival 2015 - Rewind musiche non lineari

Evento inserito nella rassegna Tempo Reale Festival 2015 - Rewind musiche non lineari

26.9.2015

Si intitola Rewind. Musiche non lineari l'ottava edizione del festival prodotto e organizzato dal centro fondato da Luciano Berio. Il Tempo Reale Festival, dal 26 settembre al 10 ottobre, aprirà le porte della città alla sperimentazione sonora, invadendo luoghi come la Ex Manifattura Tabacchi, tempio dell'archeologia industriale fiorentina e parchi cittadini, confrontando la ricerca dei grandi maestri con quella delle nuove leve, in un crogiolo creativo distribuito in 10 performance e concerti, libero da condizionamenti e aperto a tutto ciò che di nuovo c’è nella musica e nel suono. L'edizione di quest'anno “è un’azione che partendo da grandi compositori del passato getta un ponte verso la musica più attuale – nell'idea della direzione artistica di Francesco Giomi - il riavvolgimento del tempo – rewind – parte da tre figure fondamentali della sperimentazione sonora, due francesi ed una americana. A Bernard Parmegiani e Luc Ferrari sono dedicati due concerti, per il loro valore e la loro influenza su intere generazioni di creativi. Di Bernard Parmegiani saranno eseguiti alcuni estratti da La Création du Monde (1996), un vero e proprio poema sinfonico elettroacustico volto a trovare una sonorità descrittiva di quell’evento. Con il mitico In C di Terry Riley, con 18 strumentisti che eseguiranno uno dei primi brani minimalisti della storia, si chiude l’edizione di quest’anno, un’edizione che inventa anche il nuovo format Klang, dove musicisti e gruppi nella fase iniziale della carriera si confrontano con il lavoro di artisti consolidati sul terreno fertile della sperimentazione e contamina anche la danza dei Kinkaleri, un gesto che diventa suono su una drammaturgia ispirata al brano Real Good Time di Lou Reed. Un percorso dunque che, seguendo la non linearità dei linguaggi, tocca espressioni, modalità, approcci anche estremi, dando vita ad un festival quanto mai corale, come nella sua giornata inaugurale: sabato 26 settembre per la prima volta dalla sua chiusura la Ex Manifattura Tabacchi apre le porte al pubblico per l'arte contemporanea in un SOUND DAY interamente dedicato alla sound art con un workshop e cinque performance che per un giorno trasformeranno la Manifattura in una fabbrica del suono; mentre domenica 27 un percorso installazione nel parco di Villa Vogel con musicisti di diverse etnie e culture valorizzerà attraverso la musica e lo stare insieme il parco cittadino.

 

Sostenitori istituzionali: Regione Toscana; Città Metropolitana di Firenze e Comune di Firenze. Sostenitori progettuali: Ente Cassa di Risparmio di Firenze; Osservatorio per le Arti Contemporanee; Quartiere 4; Mibact; Miur; Siae; Estate Fiorentina; Cantiere Toscana Contemporanea/Museo Pecci Prato. Partners: CANGO/Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza; Kinkaleri; Spazio K; Istituto Francese di Firenze; INA _ GRM di Parigi; Scuola di Musica di Sesto Fiorentino; Accademia di Belle Arti di Bologna. Media partners: Firenze Spettacolo; Rete Toscana Classica; The Florentine.

Filtri: Tempo Reale, Danza, Musica, Performing Art, 2015

Musicus Concentus

RYOJI IKEDA “SUPERCODEX” LIVE SET

13.5.2015

“Supercodex” è l’ultimo degli otto cd pubblicati da Ryoji Ikeda ed è anche il suo nuovo spettacolo dal vivo in cui l’artista giapponese proporrà un capitolo dell’affascinante sintesi tra musica e immagini in movimento a cui lavora da tempo. Cinque anni fa al Teatro della Pergola il pubblico fiorentino fu immerso per la prima volta nel suo universo con lo straordinario “datamatics”; “Supercodex” procede nella stessa direzione e assicura una nuova combinazione di ricerca e spettacolarità, con una proiezione in alta definizione su un grande schermo di particolare suggestione.

“Supercodex” è il lavoro che completa la trilogia inaugurata nel 2005 con “Dataplex” e proseguita tre anni più tardi con “Test Pattern”: tre lavori in cui Ikeda ha definito una complessa ricerca sul rapporto fra il suono digitale e la sua traduzione in forma di dati informatici. L’obiettivo dell’artista con questa trilogia è l’elaborazione di una matematica del suono, di un principio di calcolo in grado di trasformare gli algoritmi in mezzi espressivi autentici, e al tempo stesso di elaborare rappresentazioni visive e sonore delle informazioni in essi contenute. L’estetica di Ikeda combina il suono e il mezzo visivo creando installazioni multimediali, lavorando su quella che viene definita techno astratta con risultati singolari. Dal vivo Ikeda genera sorprendenti e avveniristiche geometrie in alta definizione e in bianco a nero che si legano a sequenze musicali magnetiche, di grande presa.
Il giapponese Ryoji Ikeda è una delle personalità più influenti della scena che opera tra video arte e musica elettronica. Il suo lavoro parte da un’esplorazione sonora che si focalizza su frequenze ai limiti dell’udibile e ultrasuoni, si concentra sul creare una forma visiva e sonora che parte da metodi matematici, svelando proprietà fisiche di suoni ed immagini che così si rivelano alla percezione umana. Nato a Gifu nel 1966, dal 1995 Ikeda è  attivo con concerti, installazioni e registrazioni che lo hanno segnalato tra i compositori più radicali ed innovativi. I suoi cd +/- (Touch, 1996), 0°C (Touch, 1998), matrix (Touch, 2000) sono opere pioneristiche nell’esplorazione di sonorità minimali come il rumore bianco, onde sinusoidali e suoni elettronici. Le sue installazioni sono state ospitate nei più prestigiosi centri e musei d arte contemporanea, così come nelle strade e in aeroporti, in Giappone in Europa e negli Stati Uniti, ed hanno visto Ikeda operare con diversi mezzi, video, musica e luci, in creazioni di impatto straordinario. Inoltre Ikeda vanta numerose collaborazioni come quella di rilievo con il collega Carsten Nicolai, attivo come musicista elettronico con lo pseudonimo di Alva Noto.

In collaborazione con Basemental

www.musicusconcentus.com

Filtri: Musicus Concentus, Musica, Arti visive, 2015

Tempo Reale

Progetto Primavera 2015

09.5.2015

La Primavera di Tempo Reale libera la sperimentazione: concerti, passeggiate sonore e performance di musica elettronica.

Con la Primavera si apre la stagione concertistica di Tempo Reale che porta a Firenze, dal 9 maggio al 13 giugno nel Progetto Primavera, i protagonisti internazionali della musica sperimentale insieme ad eventi che mettono in relazione suono, sensibilizzazione sociale e nuova musica elettronica: prime assolute e prime nazionali, giovani autori e interpreti di fama mondiale.

L'americano Bob Ostertag re dei campionamenti e della musica come strumento per affrontare argomenti sociopolitici come la guerra, i diritti gay, le rivolte che avvengono nell'indifferenza della collettività (21 maggio), Flo Menezes il compositore elettronico brasiliano che ha fatto del massimalismo il suo manifesto (6 giugno),  e le sonorità dei Tangerine Dream, principali esponenti del krautrock e della musica cosmica in un live set diretto da Lelio Camilleri (10 giugno), rappresenteranno il sound internazionale della scena sperimentale ed elettronica in eventi unici per gli appassionati del genere.


Le prime esecuzioni le regala il format di successo Maggio Elettronico nato per il Festival del Maggio Musicale Fiorentino come contenitore della nuova musica elettronica che quest'anno propone la prima di Mauro Lanza e Andrea Valle nella serata dal titolo Teatro Natura (12 giugno): Mauro Lanza è uno dei compositori di spicco delle nuove generazioni della musica colta europea, rappresentato in tutti i festival, cresciuto tra i conservatori italiani, mentre il percorso di Andrea Valle è all'insegna della sperimentazione, nasce un duo perfetto di musica ex machina, con  la straordinaria esecuzione del gruppo tedesco Ensemble Mosaik. La seconda serata – dal titolo In Solo – è un’indagine sull’esperienza solistica, partendo dalla musica di Stockhausen per arrivare a musicisti giovani e affermati, da pietre miliari a nuovissime opere (13 giugno).

Centrale – come ogni anno - nel Progetto Primavera il coinvolgimento della città in eventi che mirino a sensibilizzare il pubblico al suono e a temi sociali con passeggiate sonore nel quartiere dell'Isolotto per i suoi 60 anni ed entrando nel carcere di Sollicciano per assistere ad un concerto con i detenuti dell'Orkestra Ristretta e il duo fiorentino Pastis per un approcio sociantropologico della musica.

Il 9 maggio, il ciclo di passeggiate sonore Come suona Firenze? Isolotto vuole raccontare il quartiere attraverso il suo paesaggio sonoro. Dalle ore 11, due gruppi, uno di adulti e uno di bambini, saranno guidati alla scoperta delle strade, dei suoni, delle voci di quella che fu fondata dal sindaco Giorgio La Pira come la città divina ideale per divenire poi uno dei centri di dissenso più attivi in Italia, dal sostegno agli operai delle Officine Galileo nel 1959 alla vicenda della comunità cristiana guidata da Don Enzo Mazzi, il prete del dissenso.

La durata di ogni passeggiata è di 80-90 minuti e i partecipanti saranno guidati da esperti dediti alla sensibilizzazione del suono ambientale. La partecipazione è gratuita.

Il 19 maggio con GalàGalera la casa circondariale di Sollicciano apre le sue porte, dalle ore 21, a tutti e per tutte le sensibilità con un concerto a ingresso libero. Suoneranno insieme musicisti molto diversi tra loro, dai detenuti fino a professionisti della musica leggera di oggi con un approccio di apertura alle culture musicali del mondo e all'insegna dell'accoglienza.  Il cantautore Massimo Altomare dirigerà l’Orkestra Ristretta composta dai detenuti del carcere, sostenuto dai Pastis, duo fiorentino dietro cui si cela uno dei maggiori produttori e session-man del pop-rock, Saverio Lanza (Cristina Donà, Bugo, PGR, Sarah Jane Morris, Vasco Rossi, Biagio Antonacci, Piero Pelù, Irene Grandi & Stefano Bollani) insieme al fratello Marco, fotografo ed esperto di arti visive.

Con il supporto di Tempo Reale e un approccio dichiaratamente etno-antropologico, nasce il progetto GalàGalera. In collaborazione con Ministero di Giustizia, Casa Circondariale di Sollicciano e Arci Firenze. 

Filtri: Tempo Reale, Musica, 2015

Fabbrica Europa

FABBRICA EUROPA 2015

Evento inserito nella rassegna FABBRICA EUROPA 2015

07.5.2015

Fabbrica Europa XXII edizione è un'immersione in una moltitudine di universi creativi, fisici e culturali.
Danza, Teatro, Musica esprimono contemporaneità non convenzionali, tracciando linee progettuali simultanee attraverso proposte innovative che lasciano emergere una polifonia di voci artistiche.
Non un'accumulazione di segni, ma la tendenza a innestare relazioni che originano nuovi significati.
Fabbrica Europa lavora da sempre per costruire ponti di conoscenza e occasioni di consapevolezza culturale, individuando percorsi possibili, traiettorie inusuali e trattenendo memoria di ritualità passate e presenti. Memoria che dia la spinta per riattivare un impegno collettivo dello sguardo, della percezione, del gesto. Verso un futuro dagli orizzonti ancora aperti.
Al centro del programma la danza. Un focus sull’arte scenica di area asiatica, importanti compagnie di respiro europeo, artisti affermati e giovani emergenti del panorama internazionale e nazionale, rappresentano per lo spettatore un’occasione unica per un viaggio tra i linguaggi performativi e coreografici oltre ogni confine.
Per il teatro, all’insegna della contaminazione di forme e linguaggi, vengono presentati in questa edizione spettacoli che puntando su una polifonia di voci artistiche, intrecciano parola e musica, ricerca drammaturgica e vocale, testimonianza storica, sociale e politica. 
Nel 2015 è tornata a Fabbrica Europa anche la musica, dopo alcuni anni in cui il festival si era concentrato principalmente su danza e teatro. Le proposte di questa XXII edizione combinano l'esigenza del fare musica agli aspetti socio-politici, in un percorso in cui la presenza di nomi storici si intreccia con le più interessanti novità della scena attuale.

Firenze, Stazione Leopolda, Museo Novecento, Cortile Palazzo StrozziIstituto francese; Le Murate,teatro Cantiere FloridaTeatro Verdi
Teatro Goldoni

Pontedera, Teatro Era

Filtri: Fabbrica Europa, Teatro, Performing Art, Musica, Festival, Danza, Arti visive, 2015

Tempo Reale

GEOGRAFIE. Riascoltare il mondo

Evento inserito nella rassegna Tempo reale festival 2014 - GEOGRAFIE. RIASCOLTARE IL MONDO

26.9.2014

Ad inaugurare il festival Tempo Reale 2014, Welcome, un affresco musicale affidato al Tempo Reale Electroacuostic Ensemble e alla voce di Massimo Altomare che interpreta testi di ogni epoca sul tema migratorio dalla Bibbia ai giorni nostri (26/9, Limonaia di Villa Strozzi). Esplosiva tra ricerca e pop la serata dedicata alle manipolazioni elettro-digitali di Luigi Ceccarelli e Jacob Tv: l’olandese Jacob ter Veldhuis è uno degli artisti più intriganti e coinvolgenti della scena musicale contemporanea europea con i suoi lavori multimediali che si uniscono alle composizioni elettroacustiche di Luigi Ceccarelli in un viaggio musicale che gioca a confondere il mondo reale con quello virtuale (27/9, Limonaia di Villa Strozzi).
In chiusura Cellule d’Intervention Metamkine, un gruppo aperto che raccoglie musicisti e registi che ricercano il rapporto tra immagine e suono.
Da non perdere SOUND & BIKE, un appuntamento dell’Estate Fiorentina, un percorso-installazione alla scoperta del Parco delle Cascine in 9 tappe, ognuna dedicata alla musica di una delle comunità straniere presenti a Firenze: Africa, Cina, Cuba, India, Sri Lanka, Italia un patrimonio musicale multietnico diventa una installazione sonora animata e per tutti (28/9, Parco delle Cascine) .

Torna anche quest’anno la vetrina per giovani musicisti elettronici, Io Viaggio da solo: 5 assoli dei vincitori di un bando italiano offriranno orizzonti diversi ad una serata di Musica elettronica dal vivo con i suoni del mondo (30/9, Limonaia di Villa Strozzi).

Sul tema del Paesaggio Sonoro, caro a Tempo Reale che da anni lavora per la sensibilizzazione al suono, sono previste due performance acusmatiche cui il pubblico assisterà bendato e sdraiato su comodi lettini: la performance immersiva dello spagnolo Francisco Lopez con suggestioni musicali dal mondo dell’artista che da anni svolge con successo azioni site specific: la sua musica sfrutta field recording manipolati giocando con suoni che possono essere molto forti o difficilmente udibili, ha ottenuto riconoscimenti da parte del Prix Ars Electronica ed è l'attuale direttore e curatore del SONM (Sound Archive of Experimental Music and Sound Art), centro dedicato alla sound art (1/10, Limonaia di Villa Strozzi)

Dal Paesaggio sonoro della città di Ravenna invece nasce BUCO BIANCO/SINFONIA PER RAVENNA. Un concerto-paesaggio sonoro del fondatore della compagnia Fanny & Alexander Luigi De Angelis e l’artista visivo Sergio Policicchio (3/10, Limonaia di Villa Strozzi).
 

Filtri: Tempo Reale, Musica, 2014

Musicus Concentus

Uri Caine

Evento inserito nella rassegna Crescendo 2014

28.5.2014

“Solitaire – Concerto per pianoforte solo”

Un nuovo appuntamento per la serie “Crescendo” presentata da Musicus Concentus, Osservatorio Per Le Arti Contemporanee Ente Cassa Di Risparmio Di Firenze, Fondazione Teatro della Pergola, segna il ritorno a Firenze di Uri Caine.
Il pianista e compositore statunitense è atteso il prossimo 28 maggio  in un concerto di pianoforte solo presso il Teatro Goldoni a Firenze, l’occasione ideale per avvicinarsi al suo mondo sonoro.
Proprio in questi giorni l’etichetta tedesca Winter & Winter ha pubblicato il secondo disco per pianoforte solo di Uri Caine, “Callithump”, registrato agli Avatar Studio a New York. Il disco realizzato in diretta, in un’unica seduta, documenta l’essenza della musica di Caine e le sue ispirazioni, dalla tradizione musicale sefardita al blues, dal jazz degli anni Venti alla canzone americana, in una miscela di lirismo e ritmo, di swing e ironia, che il pubblico potrà ritrovare nel suo atteso concerto fiorentino al Teatro Goldoni.
Il pianista Uri Caine è uno dei protagonisti più brillanti e versatili della musica d’oggi, artista sensibile e poliedrico come ha dimostrato anche vestendo i panni di direttore artistico per la Biennale Musica di Venezia nel 2003.
Caine ha abituato i suoi ascoltatori a seguirlo in imprese spiazzanti, dalle sue visionarie rivisitazioni dei repertori classici, un lavoro iniziato con un omaggio a Gustav Mahler e proseguito con i lied di Robert Schumann, le Variazioni Golberg di Johann Sebastian Bach, e le Variazioni Diabelli di Ludwig Van Beethoven (pubblicati su cd dall’etichetta Winter & Winter) che gli hanno assicurato uno straordinario successo, fino ad essere invitato, con il programma dedicato alle musiche di Mahler, anche dal prestigioso festival di musica classica di Salisburgo.

 

Filtri: Musicus Concentus, Musica, 2014

Fabbrica Europa

Festival 2014

Evento inserito nella rassegna Fabbrica Europa 2014

08.5.2014

La XXI edizione del festival Fabbrica Europa apre una riflessione trasversale sulla “condizione umana” e sulla “memoria contemporanea” toccando i concetti di identità, comunità, alterità attraverso la creazione artistica.
Un cantiere aperto per una generazione in transito che, dall’8 maggio al 28 giugno 2014, propone nuove visioni e dà vita a una panoramica di poetiche di resistenza: performance di artisti internazionali dalle quali emergono le profondità del teatro d'arte dell'Est e della danza contemporanea che da diversi contesti internazionali si proietta sull'Europa. Sguardi sul mondo, visioni molteplici, attraverso gli occhi di autori affermati della scena contemporanea e di giovani creatori che ne offrono letture inedite.
Un programma di teatro, danza e arti performative che dalla Stazione Leopolda - luogo simbolo di Fabbrica Europa - si diffonde su altri spazi di Firenze, dal Nuovo Teatro dell'Opera al Teatro Cantiere Florida, fino all'Oltrarno con Cango Cantieri Goldonetta, il Teatro Goldoni, l'Ex Chiesa San Carlo dei Barnabiti, per toccare infine il Teatro Era di Pontedera.
 

Filtri: Fabbrica Europa, Teatro, Performing Art, Musica, Festival, Danza, 2014

CANGO

La democrazia del corpo

Evento inserito nella rassegna Festival Oltrarno Atelier 2013

01.11.2013

novembre 2013 > marzo 2014

Attraverso un ciclo di spettacoli, incontri, residenze e pratiche, La democrazia del corpo affronta il tema del corpo come viatico di trasmissione e sospensione. 150 giorni nel cuore del gesto e della danza; un viaggio che si schiude al frequentatore come pratica in cui è possibile condividere l’apertura verso le altre arti.
Per la prima volta, Virgilio Sieni porta a Cango quattro produzioni della Compagnia e tre progetti specifici dell’Accademia sull’arte del gesto, che intendono comporre un’unica visione organica.

La democrazia del corpo vuol mostrare al pubblico percorsi di visione pensati come un cammino alla ricerca del gesto; laboratorio aperto che elabora un trittico di relazioni e risonanze tra Firenze, Marsiglia e Riga.
Il progetto per Marseille-Provence Capitale Europea della Cultura 2013 ha visto la partecipazione di oltre 160 interpreti dell’Accademia sull’arte del gesto, provenienti da diversi luoghi del bacino del Mediterraneo: donne e uomini di tutte le età sono stati protagonisti di tre Agorà dislocate in altrettanti luoghi simbolici della città di Marsiglia.
 

Filtri: CANGO, Teatro, Performing Art, Musica, Festival, Danza, Arti visive, 2013

Galleria d'Arte Moderna di Palazzo Pitti

Daniele Lombardi - Guarda che musica

02.6.2013

Si apre il 2 giugno 2013 presso la Galleria d’arte modernadi Palazzo Pitti, la mostra GUARDA CHE MUSICA, del pianista, compositore e artista visivo Daniele Lombardi. Guarda che musica presenta grandi opere recenti, partiture, libri, riviste e varie installazioni che documentano il percorso artistico di Daniele Lombardi, percorso che lo ha portato a navigare tra musiche scritte per essere eseguite e musiche concettualizzate in immagini destinate ad una meditazione silenziosa. La mostra, che proseguirà sino al 30 giugno, è curata da Carlo Sisi e realizzata con il contributo e la collaborazione dell’Osservatorio per le Arti Contemporanee (OAC) dell’Ente Cassa di Risparmio, della Soprintendenza per il Polo Museale Fiorentino, della Fondazione Fiorenza, del Museo Marino Marini e del Maggio Musicale Fiorentino.

Filtri: Galleria d'Arte Moderna di Palazzo Pitti, Musica, Arti visive, 2013

Musicus Concentus

CALIBRO 35 - Indagine Sul Cinema Del Brivido In Italia - live

Evento inserito nella rassegna Crescendo 2013

13.4.2013

Un appuntamento di rilievo per "Crescendo", un concerto speciale che vedrà sul palco del Teatro della Pergola di Firenze i musicisti di Calibro 35 in formazione allargata con numerosi ospiti a celebrare la musica di uno dei generi di culto del cinema italiano degli anni Settanta: quello del cinema del brivido, termine che racchiude un'ampia categoria film che vanno dai primi thrilling gialli visionari di Dario Argento, a horror come "Reazione a Catena" di Mario Bava, allo splatter di pellicole come "Cannibal Holocaust".
Calibro 35 propone un nuovo percorso di rivisitazione dal vivo a questa variegata produzione musicale, con un concerto ricco di ospiti: alla classica formazione a quattro di Calibro si affiancano infatti percussioni, una sezione di archi e di ottoni, theremin e voci che daranno vita ad un'esibizione di sicura presa.

Filtri: Musicus Concentus, Musica, Festival, Cinema, 2013

Tempo Reale

Progetto Primavera 2013

12.5.2013


Ritornano le attività musicali di primavera di Tempo Reale, il centro di ricerca musicale fondato da Luciano Berio. Una serie di appuntamenti in collaborazione con istituzioni toscane d'eccellenza, da un tributo alla musica vocale di Luciano Berio fino ai video e alla musica elettronica del compositore giapponese Kurokawa. Attorno a tutto questo l'ormai consueta triangolazione musica-ambiente-spazio con percorsi musicali, passeggiate sonore e molto altro.Si comincia con Soundwalk_Focognano, un percorso di sensibilizzazione al suono ambientale e all’ecologia acustica  attraverso un soundwalk guidato nell’Oasi WWF Stagni di Focognano, santuario naturalistico alle porte di Firenze, per proseguire con Drinnn! Come suona la mia scuola? Concerto delle Scuole primarie e un grande doppio concerto di musica elettronica dal vivo. Prima due giovani realtà della scena rock toscana incontrano la ricerca elettronica di Tempo Reale per un progetto originale tutto incentrato sulla libera sperimentazione (EXPANDED ROCK - unePassante - King of the Opera - Tempo Reale). Poi un secondo quadro con la presenza di Kurokawa, musicista giapponese apprezzato per il suo lavoro di interazione tra espressione video e musicale.
Nel decimo anniversario della morte di Luciano Berio, Tempo Reale insieme a Homme Armé e Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, presenta inoltra un primo omaggio al compositore con due straordinari capolavori dedicati al tema della voce (LUCIANO BERIO “VISAGE/A-RONNE). Il Progetto primavera 2013 si chiude con PROGETTO BNCF - Percorso musicale nei luoghi della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, per un percorso di scoperta, attraverso la nuova musica, di spazi e contesti inediti e nascosti di uno dei luoghi più affascinanti del sapere fiorentino.

 

In collaborazione con Artlands, Provincia di Firenze, Comuni ed Enti di competenza nella Piana Fiorentina, Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato, Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, L’Homme Armé, Tempo Reale, Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Filtri: Tempo Reale, Performing Art, Musica, Arti visive, 2013

Fabbrica Europa

edizione 2013

16.4.2013

Spazio alla danza e al teatro per aprire un festival diffuso: dalla città alla regione, dall’Italia all’Europa. La XX edizione di Fabbrica Europa scompagina i margini, disegnando una nuova formula: un festival dilatato nello spazio e nel tempo, una programmazione più ramificata che, da metà aprile a metà giugno che coinvolge in una rete attiva diversi teatri e spazi performativi della città e della regione. Due mesi per tracciare un’inedita mappa del contemporaneo che punta sulla trasversalità. È il concetto di mobilità dell’arte o di progettualità diffusa, già avviato negli ultimi anni, si concretizza in forma più definita e capillare. Il Teatro Era di Pontedera, il Teatro Cantiere Florida, CanGo Cantieri Goldonetta, la Stazione Leopolda, il Teatro della Pergola, l’Istituto Francese, il Rondò di Bacco, il Vivaio del Malcantone e altri spazi, accolgono importanti protagonisti - nazionali e internazionali - della danza e del teatro, insieme a giovani emergenti, autori di progetti innovativi e di qualità.

Filtri: Fabbrica Europa, Teatro, Performing Art, Musica, Festival, Danza, Cinema, Arti visive, 2013

Musicus Concentus

Peter Brötzmann – Paal Nilssen

Peter Brötzmann – Paal Nilssen - 0 Peter Brötzmann – Paal Nilssen - 1

1/2

Evento inserito nella rassegna Crescendo 2013

13.4.2013

L’eccezionale duo che affianca il sassofonista tedesco Peter Brötzmann al batterista norvegese Paal Nilssen-Love è l’appuntamento che inaugura i concerti di “Crescendo” del 2013. L’evento si annuncia di grande rilievo vista la centralità del sassofonista tedesco, un punto di riferimento della new music dalla metà degli anni Sessanta. La collaborazione tra Brötzmann e Nilssen-Love è iniziata nel 1998 e da allora, oltre che in duo, si è sviluppata in numerosi gruppi: il quartetto Hairy Bones, il Roma trio, l’ Ada trio, e il Peter Brötzmann Chicago Tentet. Il duo ha già al suo attivo concerti in Europa, Stati Uniti e Giappone, e due cd, pubblicati dall’etichetta di Oslo Smalltown Supersound,“SweetSweat” (2008),  “Woodcuts” (2010). Il risultato della loro combinazione produce una musica di straordinaria energia, un’intesa magnifica e stimolante in un confronto generazionale che mescola entusiasmo ed esperienza per approdare ad una musica coinvolgente e liberatoria.

Filtri: Musicus Concentus, Musica, Festival, 2013

Fosca

Frau Frisör Fosca

Frau Frisör Fosca - 0 Frau Frisör Fosca - 1 Frau Frisör Fosca - 2 Frau Frisör Fosca - 3

1/4

22.2.2013

La programmazione dello spazio Frau Frisör Fosca (FFF) si apre nel corso del 2013 ad un periodo dedicato alla sperimentazione sonora e ai suoi smarginamenti interdisciplinari. Fosca propone una serie di incontri dedicati all'interazione fra suono, spazio e percezione, sempre con particolare attenzione alla dimensione “live” e quindi alla performance. Tale direzione, che presenta appuntamenti di diversa natura sia per formati che per ambiti disciplinari, è l'occasione per approfondire e consolidare collaborazioni già in atto con altre importanti realtà artistiche del territorio, ma anche aprire a realtà nazionali e internazionali su un tema, quello del suono, sempre più importante per la ricerca di Fosca.

Si inaugura lo spazio nel 2013 con una performance nata dalla prima residenza artistica durata due settimane di artista performativa di Buenosaires (AR) e un artista visivo. Si proseguirà con il concerto dei Blutwurst, il collettivo di musicisti con base a Firenze, dedito all'improvvisazione radicale e all'esecuzione di partiture grafiche,
A seguire FFF ospita due appuntamenti in occasione del forum FKL "Per chi suona il paesaggio" in collaborazione con Tempo Reale e Paesaggio Sonoro. Enio Colaci e Alice presenteranno invece “Electronic music for barber shop”, un musicista elettronico e pianista alle prese con laptop e synth.
E poi ancora la mostra a seguito del laboratorio avvenuto tra febbraio e maggio presso la scuola media dell'Istituto Comprensivo Calamandrei, condotto da Radio Papesse, Jessica Grasse e il duo di turu.it curata da Massimo Ricciardo; la serata di poesia con letture eseguite dagli autori dopo un laboratorio sulla fiaba dei Frateli Grimm tenuto da Elisa Biagini e infine LIM, performance ispirata alla pratica del parkour, ultima tappa di un progetto partito ad aprile e che coinvolge gli atleti parkour, artisti e giovani partecipanti all'omonimo laboratorio.


 

Filtri: Fosca, Teatro, Performing Art, Musica, Danza, 2013

Museo Marino Marini

Il ballo delle ingrate

Evento inserito nella rassegna Florens 2012

07.11.2012

In occasione di FLORENS 2012, il Museo Marino Marini presenta il 7, 8 e 9 novembre Il Ballo delle Ingrate, spettacolare opera multimediale liberamente ispirata all’omonima operina di Claudio Monteverdi, ideata e diretta dall’artista e performer italiana Letizia Renzini con la direzione musicale della soprano Italo svizzera Sabina Meyer.

Il Ballo delle Ingrate è il naturale sviluppo e ampliamento della Ninfa in lamento, spettacolo in forma di concerto già presentato al Marini da Letizia Renzini e Sabina Meyer, insieme alla musicista Diana Fazzini. Prende spunto dal voluttuoso mondo del teatro musicale seicentesco distaccandosene in una trasfigurazione interdisciplinare e tecnologica (grazie alla collaborazione con Avuelle) che ha come vocaboli e media l’analogico (corpo, voce, strumenti) e il virtuale (video, luce, musica elettronica). Questo lavoro “site-specific” muove dalle tematiche del libretto originale dell’operina omonima scritta da Claudio Monteverdi con Ottavio Rinuccini e rappresentato per la prima volta a Mantova nel 1604, confrontandosi e interpretando, in un’ottica spregiudicata e contemporanea, oltre che il meraviglioso e sensuale mondo del Rinascimento femminile di Barbara Strozzi o Luzzasco Luzzaschi, anche le vicende del “Concerto delle donne”, che rivoluzionò la musica profana italiana nel tardo XVI secolo.

Il Ballo delle Ingrate è anche un film di Ingmar Bergman realizzato per la televisione nel 1976, con le coreografie di Donya Feuer e le musiche di Claudio Monteverdi. Un‘azione mimata in forma di balletto che si basa soprattutto sulle espressioni e sugli atteggiamenti dei personaggi più che sui movimenti del corpo. Come ha detto l'autore stesso "un dramma senza parole” o una "composizione coreografica”.

4 musiciste in scena: un trio classico e una cornice elettroacustica. Al repertorio classico si aggiungono suoni e composizioni di segno diverso: il live mix, le composizioni ambientali e alcuni brani diversi della produzione discografica moderna e contemporanea. La musica eseguita con strumenti tradizionali (viola da gamba, arpa) viene accarezzata da sublimazioni elettroacustiche che danno voce al subconscio, all’intimo pensiero che soggiace al testo.

 

Con il contributo di: Fondazione FlorensMuseo Marino Marini, FirenzeAvuelle - Musicus Concentus

Filtri: Museo Marino Marini, Performing Art, Musica, Arti visive, 2012

Musicus Concentus

Atom tm

Evento inserito nella rassegna Crescendo 2012

22.3.2012

Un nuovo appuntamento nel segno delle nuovi arti elettroniche per la serie “Crescendo”, il progetto di Musicus Concentus, Osservatorio Per Le Arti Contemporanee Ente Cassa di Risparmio Di Firenze, Fondazione Teatro Della Pergola. Per la prima volta a Firenze arriva Atom Tm, uno degli artisti più amati e influenti, per una performance di musica e video che si lega ai precedenti  appuntamenti di “Crescendo”, quali Matmos, Matthew Herbert, Ryoji Ikeda.

Atom TM è una delle facce dietro cui si cela Uwe Schmidt, il compositore e performer tedesco, tra coloro che hanno definito i nuovi linguaggi della musica elettronica. Atom TM è uno dei suoi tanti moniker, insieme a Señor Coconut, Atomu Shinzu, Atom Heart, Flanger, The Disk Orchestra, Los Negritos (per citarne solo alcuni), che segnalano un mondo sonoro ricco di invenzioni e sfaccettature, tante quante sono le sigle che ha usato nel tempo.
Per “Crescendo”, nella prestigiosa cornice dell’Odeon Firenze Atom TM presenterà in anteprima la sua nuova realizzazione per musica e video, “HD”, che arriva dopo i cd “Liedgut” e “Winterreise”, segnati da avvolgenti atmosfere minimal.

Si ringrazia Odeon Firenze

Filtri: Musicus Concentus, Musica, Arti visive, Performing Art, 2012

Museo Marino Marini

Lovett/Codagnone

Lovett/Codagnone - 0 Lovett/Codagnone - 1 Lovett/Codagnone - 2 Lovett/Codagnone - 3 Lovett/Codagnone - 4 Lovett/Codagnone - 5

1/6

03.5.2012

La verità è figlia del tempo non dell'autorità

A cura di Alberto Salvadori e prodotta per la cripta del museo, l'installazione nasce dalla lettura e dall'interpretazione di un testo fondamentale del teatro moderno, la Vita di Galileo, di Bertolt Brecht. Per l’inaugurazione sarà realizzata da CANDIDATE la performance Like Nightfall in the Morning con la partecipazione di Sandra Ceccarelli, Gary Indiana e Marco Mazzoni.

Il lavoro del duo italo-americano, nato nel 1995, spaziando dalla fotografia alla scultura, è da sempre caratterizzato dalla volontà di innescare un processo di critica e riflessione su quelli che sono considerati comunemente dalla società i valori e le verità intoccabili: dalla morale e l’etica di matrice borghese all’identità sessuale definita e non libera di essere vissuta, mettendo in dubbio idee e canoni comportamentali a loro legate. Al centro della loro ricerca troviamo oltre all’affermazione dell’individuo, inteso non come entità ma come differenza, l’amore per la verità e la violenza dell’amore stesso, i differenti linguaggi dell’iconografia omosessuale e del sadomaso gay utilizzati per liberare da quei cliché di cui solitamente siamo prigionieri. L’interesse per i grandi processi della storia si lega nella Vita di Galileo al tema dominante del primo Galileo, quello della propagazione della verità in condizioni di censura e violenza. L’editing che gli artisti hanno fatto del testo brechtiano focalizza l’attenzione sulla relazione tra verità e potere e il lacerante e lacerato rapporto che scaturisce tra la ricerca come espressione di libertà e la cultura del potere come elemento reazionario e inviso al cambiamento.
In La verità è figlia del tempo non dell'autorità la lettura dei brani sarà affidata agli attori Marco Mazzoni e Sandra Ceccarelli e a Gary Indiana, già interprete di un’altra performance di CANDIDATE nel 2010 allo Sculpture Center di New York.


John Lovett (USA 1962)\Alessandro Codagnone (Italia1967) vivono e lavorano a New York (USA). La loro produzione varia dalla fotografia alla scultura, dal video all'installazione, alla performance, dove sono sempre protagonisti in un ironico gioco delle parti teso a smascherare i ruoli di potere, socialmente definiti, nelle relazioni interpersonali. Se nei primi lavori i due artisti rispondevano criticamente all'assimilazione della cultura gay dalle pratiche del consumismo estetico di massa (moda, musica, spettacolo), nelle performance più recenti riflettono sull'identità e sull'inadeguatezza del linguaggio rispetto alla complessità della relazione di coppia.
 

Filtri: Museo Marino Marini, Performing Art, Musica, Arti visive, 2012

Fabbrica Europa

Post Elettronica

Post Elettronica - 0 Post Elettronica - 1 Post Elettronica - 2 Post Elettronica - 3

1/4

03.5.2012


Il progetto, inserito all'interno di FABBRICA EUROPA - Festival internazionale della scena contemporanea, ha indagato i territori indefiniti ma sempre più floridi della sperimentazione “post-elettronica”, in un tributo a John Cage che intendeva rilevarne l'eredità contemporanea, attraverso artisti provenienti da diverse parti del mondo e con in comune un uso drammaturgico e gestuale delle nuove tecnologie.
Opere ibride che univano musica, video, performance, scultura, suono, rumore, vocaboli di un linguaggio composito in cui la gestione di software avanzati si combinava al manufatto, e dove corpo e sintesi digitale si mescolavano e si sovrapponevano, esponendo la tecnologia nella sua evidenza meccanica, fisica, funzionale.
Il lavoro degli artisti proposti da Post Elettronica affonda le radici tanto negli avamposti della tecnologia globale quanto nella storia delle avanguardie artistiche, sia storiche sia più recenti, nel comune tentativo di scioglimento dell’approccio concettuale in direzione del coinvolgimento dello spettatore. Gli incroci tra arti visive e musica, tra movimento e suono (sound art come pensiero del suono nello spazio) sono così diventati il soggetto di un’indagine inedita, volta a presentare un panorama di esperienze contemporanee all'insegna di nuove forme di sperimentazione.

Con Les Souliers del francese Arno Fabre il foyer della Leopolda si è trasformato in una piazza/teatro che ha ospitato un “concerto” di automi a ciclo continuo. Un evocativo “balletto meccanico”, straniante e ironico, in cui convivevano gusto rétro e tecnologia.

A fargli da eco i fruscii meccanici dell’installazione dello svizzero Zimoun con i suoi muri animati. Centinaia di bacchette, collegate ciascuna a un motorino che imprimeva loro un moto oscillatorio, invitavano gli spettatori a sperimentare la dimensione fisica e vibratile del suono.

Il progetto proseguiva nello spazio Alcatraz, animato sia dalle performance proposte nella pedana centrale, che dalle installazioni nelle stanze attigue.

Filtri: Fabbrica Europa, Musica, Arti visive, 2012

Fabbrica Europa

Art Mobility

03.5.2012

Il Festival Internazionale della Scena Contemporanea Fabbrica Europa, giunto alla XIX edizione, ha presentato un programma vario e articolato (ricchissimo di prime nazionali e creazioni originali) che dal suo centro catalizzatore storico, la Stazione Leopolda, si è diramato nella città di Firenze con eventi in altri spazi e con azioni performative che hanno interessato piazze, strade, scorci rinascimentali e snodi urbani. L’obiettivo era quello di dar vita a una vera e propria mappa del contemporaneo tesa ad allargare l'azione culturale e a coinvolgere oltre al già numeroso pubblico del festival anche i cittadini solitamente distanti dai linguaggi artistici. Così, alla Stazione Leopolda il pubblico ha potuto scoprire le più recenti e interessanti espressioni contemporanee, nazionali e internazionali, della danza, della musica, del teatro di ricerca, come dei linguaggi sperimentali delle arti visive e della multimedialità con eventi e performance declinati da artisti riconosciuti o emergenti. Un festival all’insegna del concetto di mobilità dell'arte, intesa come movimento, transito, viaggio, tanto transnazionale (tra Paesi europei, ma non solo) che interculturale (con incontri e scambi tra identità diverse), ma anche temporale e intergenerazionale (con particolare attenzione al rapporto Maestri e giovani).

con il contributo di:
Programma Cultura dell'Unione Europea, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Toscana, Provincia di Firenze, Comune di Firenze, Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Osservatorio per le arti contemporanee
 
e con il sostegno di
Ambasciata di Francia,
Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi - Olandiamo in Toscana, Fondazione Nuovi Mecenati, Institut Français, Istituto Svizzero di Roma, Youth in Action Programme dell'Unione Europea, Roots&Routes international


 

Filtri: Fabbrica Europa, Teatro, Performing Art, Musica, Festival, Danza, Arti visive, 2012

Tempo Reale

Progetto Primavera 2012

25.4.2012

Una primavera di conferme per la seconda edizione del progetto primaverile di Tempo Reale. Conferma nel collaborare con una serie di istituzioni del territorio per la realizzazione di una grande serata monografica su John Cage; conferma nell’ampliamento dei propri orizzonti intensificando l’interazione con la città di Bologna; conferma nella vitalità di alcune produzioni recenti che trovano una loro nuova declinazione artistico-architettonica al Giardino Corsini e alla Limonaia di Villa Strozzi; conferma, infine, nel percorso formativo e di ricerca: da oltre un anno prosegue l’indagine sul rapporto suono-ambiente, che si interseca con una ritrovata attività educativa per i bambini. Con un approccio innovativo e sensoriale essa coniuga la scoperta dei suoni della natura con quelli del mondo ludico e quotidiano: nascono quindi le passeggiate sonore, il laboratorio sul suono degli uccelli e la partecipazione attiva dei piccoli di Maggio Scuole alla performance “Musica di tutti i giorni”. Una serie di appuntamenti in collaborazione con istituzioni toscane ed emiliane d'eccellenza, dal grande tributo a John Cage fino ai festeggiamenti del venticinquennale di Tempo Reale con la musica di Berio e Kagel. Attorno a tutto questo l'ormai consueto interesse per il rapporto tra musica e ambiente con performance, passeggiate sonore e molto altro.

Sostenitori istituzionali
Regione Toscana, Provincia di Firenze, Comune di Firenze

Sostenitopri progettuali
Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Osservatorio per le Arti Contemporanee, Quartiere 4, Network Sonoro, European Commission-Education and Culture, Mibac

Partner
L'Homme Armé, Maggio Musicale Fiorentino, Fabbrica Europa, contemporartensemble, Istituto Francese - Firenze, Suona Francese Festival, Conservatorio di Musica G. Martini - Bologna, Angelica, FKL, Libri Liberi, Artigiannato e Palazzo, Rete Toscana Classica.

Filtri: Tempo Reale, Performing Art, Musica, 2012

Musicus Concentus

Ghostpoet

Evento inserito nella rassegna Crescendo 2012

22.3.2012

I concerti di “Crescendo”, il progetto di Musicus Concentus, Osservatorio Per Le Arti Contemporanee Ente Cassa di Risparmio Di Firenze, Fondazione Teatro Della Pergola, proseguono con un appuntamento particolarmente atteso, il primo concerto italiano di Ghostpoet, uno dei casi più eclatanti delle recenti cronache musicali.

Ghostpoet, nome d’arte di Obaro Ojimiwe, a ventinove anni è una delle novità di maggior rilievo della black music d’oggi. Il cantante, rapper, musicista e poeta londinese è un esperto di ritmi hip hop e rime baciate, e si inserisce di diritto, con autorevolezza e intelligenza in una solco tracciato da grandi maestri della musica nera, come Gil Scott Heron, Mike Ladd, Saul Williams.  Lo scenario musicale che avvolge le sue liriche è fatto di echi dubstep e garage, di groove e di paesaggi elettronici, in una formula che combina al meglio la dimensione del concerto e il reading poetico. Sul palco Ghostpoet da il meglio di sé, come è accaduto all’ultimo festival Sonar a Barcellona, in un’esibizione che ha fatto scalpore.
Ghostpoet è un antieroe metropolitano, ed il suo sensazionale esordio su disco "Peanut Butter Blues & Melancholy Jam", pubblicato dall’etichetta Brownswood di Gilles Peterson narra di vita di strada e di lotta quotidiana, con liriche cantate e declamate con originali energia e veemenza.

Filtri: Musicus Concentus, Musica, 2012

Pitti Discovery

Guest Nation Brazil…Tudo é

14.6.2011

Pitti Immagine, la Fondazione Pitti Discovery e l' OAC, in occasione di Pitti Uomo n.80 e Pitti W n.8, presentano la prima edizione di Pitti Guest Nation, il progetto dedicato ai nuovi protagonisti dell'economia mondiale, con l’intento di favorire lo scambio e la conoscenza reciproca tra paese ospitante e paese ospitato.
La prima Guest Nation sarà il Brasile. Negli spazi della ex-Esattoria della Cassa di Risparmio di Firenze, da martedì 14 a giovedì 16 andrà in scena il progetto artistico curato da Alberto Salvadori e Andrea Lissoni. 
 
Guest Nation Brazil...Tudo é sarà infatti anche una rassegna di arti visive, musica, cinema e performance come elementi costitutivi, proponendosi come ideale visione di un paese, il Brasile, che racchiude in sé la continuità della tradizione e le radici del modernismo sudamericano, con la più contemporanea espressione estetica, in grado di amalgamare le diverse emergenze creative dell'oggi. 
Per quattro giorni artisti come Cinthia Marcelle, Runo Lagomarsino, Pablo Nenflidio, Jarbas, gli “inclassificabili” artisti visivi e musicisti Chelpa Ferro, musicisti come Siri ma anche dj e produttori come Nado Leal, Maga Bo, Dj Rupture e il celebre duo dei Tetine, sveleranno una geografia del pensiero e del desiderio in forte espansione, facendo sì che Firenze e il Brasile possano incontrarsi generando un impasto e un’amalgama originale, dove la libertà di pensiero, di espressione, di fantasia e di immaginario, costituiranno il fulcro di Tudo é.
 

 

Filtri: Pitti Discovery, Performing Art, Musica, Danza, Arti visive, 2011

Fabbrica Europa

Worlds of Culture

Worlds of Culture - 0 Worlds of Culture - 1 Worlds of Culture - 2

1/3

04.5.2011

Worlds of Culture è il titolo dell'edizione 2011 del Festival Fabbrica Europa, che - in programma dal 4 al 28 maggio alla Stazione Leopolda e in altre sedi - apre una nuova indagine sulle tante isole culturali, sui territori che, pur facendo parte di quel mondo globale che è oggi il nostro continente, conservano un’identità riconoscibile e un’originalità feconda. Fabbrica Europa accoglie progetti e produzioni nazionali e internazionali di riconosciuti maestri e di una nuova generazione di artisti che, mediante la contaminazione tra discipline diverse, ampliano l’orizzonte dei linguaggi artistici contemporanei. Con un articolato programma di eventi di danza, teatro, musica, installazioni, workshop e incontri, il Festival è l'occasione per tracciare una mappa sempre più aggiornata delle riflessioni che attraversano l’Europa contemporanea.

L'apertura è affidata a Alain Platel, maestro del panorama europeo e tra gli altri ospiti e produzioni di quest'anno ricordiamo la prima di Missa Ockeghem, frutto della collaborazione tra Homme Armé e Tempo Reale; Zita Swoon in collaborazione con Anne Teresa de Keersmaeker; i norvegesi Verdensteatret e Zero Visibility, Virgilio Sieni, Anna Stigsgaard e Roberto Bacci, T.R.A.S.H, Santasangre e molto altro ancora. 

Scarica il comunicato stampa ufficiale e il calendario giorno per giorno.

Filtri: Fabbrica Europa, Teatro, Performing Art, Musica, Festival, Danza, 2011

Musicus Concentus

Adriana Calcanhotto

Evento inserito nella rassegna Crescendo

02.11.2010

In occasione dell'uscita recente del disco 'O Microbio Do Samba' - il titolo del disco si rifà ad una dichiarazione di Lupicinio Rodriguez, il grande sambista, che espulso da scuola a 5 anni perché passava tutto il tempo a suonare il tamburo e cantare, si scusò dicendo che aveva contratto 'il batterio del samba'…. - il Cinema Odeon di Firenze ospita la data unica italiana e l'anteprima europea di Adriana Calcanhotto, una delle artiste più affascinanti del nuovo corso della Musica Popular Brasileira, cantautrice e performer spesso paragonata a Caetano Veloso con cui condivide la ricerca di nuove poetiche sonore. 

l nuovo disco vede Adriana Calcanhotto alle prese con l’universo del samba. Potete ascoltare un'anteprima del video con Eu Vivo a Sorrir.

Il 28 aprile, dalle 21.30 al Cinema Odeon di Firenze: Adriana Calcanhotto voce, chitarra, Davi Moraes chitarra, Alberto Continentino contrabbasso, Domenico Lancellotti batteria.

Il concerto rientra nella programmazione di CRESCENDO, un progetto di Musicus Concentus, Osservatorio Per Le Arti Contemporanee Ente Cassa Di Risparmio Di Firenze, Teatro Della Pergola. GLORYTELLERS un progetto di Musicus Concentus, Le Nozze Di Figaro, Reality Bites.

Filtri: Musicus Concentus, Musica, 2011

Musicus Concentus

Datamatics [ver.2.0]

Datamatics [ver.2.0] - 0 Datamatics [ver.2.0] - 1 Datamatics [ver.2.0] - 2 Datamatics [ver.2.0] - 3

1/4

Evento inserito nella rassegna Crescendo

02.11.2010

Con Datamatics [ver.2.0], Crescendo, in collaborazione con Tempo Reale,  porta a Firenze Ryoji Ikeda, offrendo una rara opportunità di ascoltare uno dei leader mondiali del suono concettuale, assai conosciuto per il suo lavoro di esplorazione della dimensione astratta della musica elettronica.  

Per la prima volta a Firenze, alfiere di un nuovo mondo artistico in cui la ricerca musicale è combinata ad un uso totalmente originale del video, Ikeda ricorre a nuove tecnologie come la proiezione DLP (Digital Light Processing), la stessa usata nel nuovo cinema digitale e 3D.

Usando semplici dati numerici come fonti per suoni e immagini, Datamatics mette insieme contenuti astratti e realistici, combinando tempo e spazio in un’opera potente che mozza il fiato.

Datamatics [ver.2.0] si inserisce nel ciclo di concerti di Crescendo e nel Tempo Reale festival 2010

 

Filtri: Musicus Concentus, Musica, 2010

Tempo Reale

Festival 2010

Festival 2010 - 0 Festival 2010 - 1 Festival 2010 - 2

1/3

08.10.2010

Nella musica, come nell’arte, è spesso necessario 'riavvolgere il nastro del tempo' riascoltando, analizzando e riflettendo sulle esperienze che hanno condotto allo sviluppo attuale della creatività.
Con il titolo REWIND. La musica dal futuro al passato - l'edizione 2010 di Tempo Reale Festival getta un ponte tra la storia della musica di ricerca e le esperienze più recenti.

Il programma del festival comprende una lecture con Andrea Aleardi sul tema Architetture per lo spettacolo; l'ensemble vocale L’Homme Armé con il concerto A-RONNE/Dal Cinquecento a Berio e Sanguineti; un appuntamento di TR_PLAYLIST con Denis Smalley; lo spettacolo di Jonathan Burrows e Matteo Fargion, Cheap Lecture/The cow piece; il concerto del duo pianistico Cadini&Torquati, John Cage/Winter music; il concerto + workshop del compositore e teorico altoatesino Albert Mayr, Hora Harmonica e, in collaborazione con Musicus Concentus il concerto Datamatics [ver.2.0] di Ryoji Ikeda.
Un festival dunque vario e articolato, capace di sollecitare la curiosità e l’interesse di persone curiose e sensibili verso l’innovazione musicale, ma anche di soddisfare il desiderio di musica impegnata delle nuove e vecchie generazioni della Toscana.

Filtri: Tempo Reale, Musica, Festival, 2010

Tempo Reale

AntiCONtemporaneo

08.7.2010

In collaborazione con L'Homme Armè, Tempo Reale inaugura una rassegna di musica antica e contemporanea nel segno di un analogo spirito di ricerca che accomuna musiche di epoche lontane. Vengono avvicinati Landini e De Andrè, Nono e Machaut, e analogamente, viene presentata la musica di Bach in rapporto al pensiero matematico che è base delle rielaborazioni digitali del pioniere Pietro Grossi.

In programma: La lontananza nostalgica utopica futura, madrigale per più "caminantes" con Gidon Kremer, musiche di Luigi Nono e Bach/Grossi - Offerta musicaleintroduzione di Albert Mayr, musiche di Johann Sebastian Bach e Pietro Grossi. 

Filtri: Tempo Reale, Musica, 2010

Tempo Reale

The Table of Earth

The Table of Earth - 0 The Table of Earth - 1

1/2

13.5.2010

In collaborazione con Fabbrica Europa, Tempo Reale produce The Table of the Earth, una nuova performance originale di David Moss presentata in anteprima a Firenze: una collaborazione grazie alla quale il compositore ha progettato un tavolo interattivo, strumento di un teatro sonoro che affronta i temi dell'ecologia e del rapporto uomo-macchina.

La versatilità vocale e gestuale del performer americano David Moss viene ancora una volta messa in relazione con la ricerca di Tempo Reale nei settori dell’interattività, delle tecniche di microfonazione e di elaborazione e spazializzazione del suono. Il progetto si basa su un grande tavolo di lavoro dove trovano posto oggetti, strumenti, sensori e microfoni, attraverso i quali i musicisti coinvolti daranno vita ad una 'storia sonora' immaginaria, al confine tra teatro e suono, in una continua scoperta – anche estemporanea – di percorsi musicali inauditi, divertenti e accattivanti. Il tutto legato da temi appassionanti come l’utilizzo della terra, l’ecologia acustica, il ricordo degli anni Settanta e così via.

Filtri: Tempo Reale, Performing Art, Musica, 2010

Musicus Concentus

Threadgill&Zooid in concerto

Evento inserito nella rassegna Crescendo

02.11.2010

Per il terzo appuntamento del progetto Crescendo - nato dalla collaborazione tra Musicus Concentus, Osservatorio Per Le Arti Contemporanee Ente Cassa di Risparmio di Firenze e ETI - Teatro della Pergola - il teatro friorentino ha ospitato una serata dedicata ad un artista cruciale del jazz contemporaneo, Henry Threadgill, in concerto con il suo ensemble Zooid. Compositore, sassofonista, flautista e multistrumentista, Threadgill continua nel solco tracciato da grandi protagonisti del jazz quali Jelly Roll Morton, Charles Mingus, Albert Ayler; è tra i fondatori dell’AACM di Chicago, l’associazione per lo sviluppo dei musicisti creativi.

 

Filtri: Musicus Concentus, Musica, 2010

Tempo Reale

Firenze per Bussotti

08.3.2010

Tempo Reale partecipa al progetto promosso dal Museo Marino Marini e dedicato al compositore fiorentino Sylvano Bussotti - un mese di mostre, concerti e spettacoli - con la conferenza spettacolo Bussotti Berberian Berio con Daria Nicolodi, Hidehiko Hinohara, Caterina Paoloni, Arcadio Baracchi e Marco Ortolani.
La relazione tra Sylvano Bussotti, Luciano Berio e Cathy Berberian è stata di lunga data. Un’occasione di memoria, con ascolti d’archivio e pagine di Bussotti dal vivo.

 

Filtri: Tempo Reale, Musica, 2010

Musicus Concentus

The art of mirrors

The art of mirrors - 0 The art of mirrors - 1

1/2

Evento inserito nella rassegna Crescendo

02.11.2010

Per la serie di concerti Crescendo, Max Richter propone The Art of Mirrors, una colonna sonora 'live' per i film Super 8mm di Derek Jarman visti raramente in Italia.

Richter è tra i compositori e performer contemporanei più stimolanti e creativi, tra le sue realizzazioni recenti si ricorda la colonna sonora di Valzer con Bashir, il film che ha avuto una nomination all’Oscar, mentre la sua attività è iniziata con l’ensemble Piano Circle, che ha commissionato e inciso composizioni di Philip Glass, Steve Reich e Brian Eno. Diplomato alla Edimburgh University e alla Royal Accademy of Music, studente a Firenze con Luciano Berio, viene spesso paragonato a compositori quali Arvo Part, John Adams, Michael Nyman, Philip Glass. 

Derek Jarman è considerato uno dei più grandi autori del cinema britannico. Conosciuto per film come Caravaggio e Jubilee, Jarman aveva scelto come mezzo preferito espressivo nel corso degli anni ’70 il formato del Super 8mm. 

Crescendo è un progetto nato dalla collaborazione tra Musicus Concentus,  ETI – Teatro Della Pergola, Osservatorio Per Le Arti Contemporanee Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

Filtri: Musicus Concentus, Musica, 2009

Tempo Reale

Festival Tempo Reale

06.10.2009

Dal 6 al 13 ottobre 2009 il Festival Tempo Reale ha occupato il Teatro della Pergola, il Museo Marino Marini, Cango e Villa Strozzi per una serie di concerti e spettacoli che al teatro sonoro affiancano i percorsi di studio sulla improvvisazione musicale e il sound design. Tra gli appuntamenti dell'edizione 2009, ESSE Teatro Sonoro da Mallarmé, di Sonia Bergamasco e Francesco Giomi; Ossatura con Elio Martusciello al computer, Fabrizio Spera alla batteria e oggetti, Luca Venitucci al piano, fisarmonica, oggetti ed elettronica; Scolpire il suono, a cura di Emmanuel Favreau, creatore di Group de Recherches Musicales Tools, uno degli strumenti software più usato dai sound designer di tutto il mondo. E ancora Osso di Virgilio Sieni e Uri Caine Ensemble & Tempo Reale per il Berio Project.


Filtri: Tempo Reale, Musica, 2009

CANGO

Festival Oltrarno Atelier

Festival Oltrarno Atelier - 0 Festival Oltrarno Atelier - 1 Festival Oltrarno Atelier - 2

1/3

17.6.2009

La quarta edizione del Festival Oltrarno Atelier è stata dedicata completamente al tema della trasmissione del gesto, inteso come incontro, creazione e visione, ma anche come momento di riflessione su una rinnovata geografia del territorio. La capacità, oggi, di pensare e articolare un progetto sulla città e l'identità dei luoghi, parte da un'analisi dell'Oltrarno fiorentino e del territorio intorno a Cango.

Il festival ha proposto un percorso articolato che visualizza tutto l’arco dei progetti dell'Accademia sull'arte del gesto, creata nel 2007 da Virgilio Sieni e la pluralità dei gruppi nati in questi due anni. Si è trattato di un viaggio nella trasmissione di pratiche a bambini, a uomini e donne anziani, giovani non vedenti e artisti, allo scopo di identificare il senso del contemporaneo attraverso la ricerca di radici nel territorio. Anche quest'anno i luoghi proposti dal festival hanno tracciato una mappa significativa di una rinnovata geografia della città. Su questi temi è stato proposto un Forum tra coreografi, artisti, architetti, studiosi: un forte momento di riflessione legato all’esperienza dell’Oltrarno, con la visione di altre città e contesti, ognuno a suo modo  esemplare.

Gli artisti del festival: Nada, Manuela Menici, Alba Donati, Enrico Bertelli,  Damasco Equipe, Francesca Grilli, Elisa Biagini, Bottega Inside; e dall'Accademia sull'arte del gesto: Gruppo Masolino,Gruppo Eden, Gruppo Duccio.

Filtri: CANGO, Teatro, Performing Art, Musica, Danza, 2009

Tempo Reale

Der Klang

16.5.2009

 

Con Der Klang Tempo Reale propone due incontri sulla musica elettronica tedesca. 

Il primo, Alle origini della Elektronische Müsik presenta opere che hanno segnato il percorso storico del repertorio tedesco, a partire dagli studi della WDR di Colonia dove sono stati ospiti autori come Kagel e Ligeti. Lelio Camilleri, compositore e musicologo, fa da guida illustrando la nascita di una scuola importantissima per la storia della musica elettronica, interpretando nel rinnovato Studio B di Tempo Reale alcune composizioni fondamentali che hanno contribuito a creare il leggendario klang tedesco.

Il secondo, La scena elettronica in Germania è un percorso guidato all’ascolto di opere elettroniche recenti prodotte in Germania, con Ludger Bruemmer - direttore di ZKM di Karlsruhe, uno dei più importanti centri di produzione multimediale in Europa.

Filtri: Tempo Reale, Musica, 2009

Tempo Reale

Stockhausen!

14.5.2009

In occasione del Festival Fabbrica Europa, Tempo Reale dedica un concerto monografico a Karlheinz Stockhausen, uno dei più grandi compositori di tutti i tempi. A due anni dalla sua scomparsa, il concerto rappresenta il primo capitolo di una panoramica sulla musica elettronica tedesca, dalle sue origini fino alle esperienze più recenti. Ecco il programma del concerto: 

Karlheinz Stockhausen – Cosmic pulses,  il suo ultimo capolavoro elettronico, che fa parte di Klang, un ciclo dedicato alle 24 ore del giorno e di cui ne rappresenta la tredicesima. La composizione si avvale di una tecnica completamente nuova per la spazializzazione di 24 strati sonori in 192 tracce programmate al computer. 

Karlheinz Stockhausen – Spiral, un lavoro storico realizzato negli anni Sessanta per l’Expo di Osaka: un esecutore interagisce in un grande spazio circolare con i suoni provenienti da una ricostruzione digitale di una radio ad onde corte, dando vita ad una performance spettacolare, di grande libertà e musicalmente assai articolata. Questa interazione avviene attraverso una avveniristica interfaccia interattiva: un “tavolo sensibile” che reagisce allo spostamento di oggetti e che controlla l’emissione dei segnali radiofonici.

Il concerto precede la serie Der Klang - due incontri sulla musica elettronica tedesca.

Filtri: Tempo Reale, Musica, 2009

Musicus Concentus

Fennesz & Maximin

Evento inserito nella rassegna Crescendo

02.11.2010

Crescendo procede con una importante doppia serata dedicata alla nuova scena musicale elettronica, presentando la prima italiana dell’incontro tra il compositore e performer Fennesz ed il videoartista Lillevän, ed il primo concerto in Italia di Bérangère Maximin.

Originaria dell’ex colonia francese delle isole Reunion nell’Oceano Indiano e da tempo residente a Parigi, Bérangère Maximin ha debuttato con il cd Tant Que Les Heures Passant prodotto da John Zorn. La sua musica propone un mondo affascinante e misterioso, dove si  rintracciano le sue precedenti esperienze di cantante e di studente di elettroacustica. 

Christian Fennesz è uno degli esponenti di maggior rilievo della ricerca elettronica minimale e 'glitch'.

Alla musica di Fennesz si legheranno le straordinarie sequenze video elaborate in diretta da Lillevän, uno dei due membri del celebrato e disciolto ensemble Rechenzentrum. 

Crescendo è il progetto nato dalla collaborazione tra Musicus Concentus, ETI Teatro della Pergola, Osservatorio Per Le Arti Contemporanee Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

 

 

Filtri: Musicus Concentus, Musica, 2009

XING

Flora 2008

05.12.2008

Nel dicembre 2008, negli spazi di CangoXING presenta la seconda edizione di Flora, un festival nazionale, nato dall'esperienza di Netmage e dedicato a nuovi progetti di cooperazione interdisciplinare commissionati a personalità italiane maturate nel settore delle arti elettroniche (video/film-makers, artisti visivi, fotografi, musicisti).

Una serie di progetti multi-schermo, affiancati da una camera oscura e da un 'teatro' oggettuale, costituiscono l'ossatura di un programma che oscilla tra evocazioni fantasmatiche, immagine documentaria e neo-concretismo. Una selezione di live media che attraverso sette opere commissionate appositamente o riprese, mette in luce una generazione di artisti cresciuti tra l'Italia e altri paesi europei nell'ultimo decennio come Luciano Maggiore, Narice (Virgilio Villoresi/Dominique Vaccaro), Federico Pepe/Wang Inc., Ephemeroptera (Francesca Cogni/Pietro Lembi/Giuseppe Ielasi), Francesco Fei/Steve Piccolo, Massimiliano Nazzi/Emanuele Martina, Pietro Riparbelli/K11. 
Flora è un progetto curato da Daniele Gasparetti e Andrea Lissoni.

Filtri: XING, Performing Art, Musica, Fotografia, Festival, Arti visive, 2008

Musicus Concentus

MHBig Band feat Eska

MHBig Band feat Eska - 0 MHBig Band feat Eska - 1 MHBig Band feat Eska - 2

1/3

Evento inserito nella rassegna Crescendo

02.11.2010

Crescendo è un nuovo progetto che nasce dalla collaborazione tra Musicus ConcentusTeatro della PergolaOsservatorio Per Le Arti Contemporanee Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Obiettivo dichiarato del progetto è presentare al pubblico artisti ed esperienze musicali legate ai linguaggi della contemporaneità, difficili da realizzare per la complessità e gli alti costi di produzione.

Crescendo si è inaugurato nell'ottobre 2008 al Teatro della Pergola con un artista la cui opera riflette le peculiarità sopra descritte: Matthew Herbert, musicista, compositore e produttore, è tra i nomi più in vista della nuova scena musicale, teorico di nuove tecniche di composizione che prevedono il campionamento e l’utilizzo di suoni e musiche preesistenti, capace di confrontarsi con i linguaggi della tradizione musicale del passato, come le sonorità e lo swing incalzante delle big band del jazz. 

Il concerto di The Matthew Herbert Big Band a Firenze coincide con la pubblicazione mondiale del secondo disco del collettivo, 'There’s Me And There’s You', pubblicato dall’etichetta !K7 e distribuito in Italia dalla fiorentina Audioglobe. Un’opera particolarmente attesa che schiera Herbert in compagnia di ottimi solisti del jazz inglese ed inaugura la collaborazione con la vocalist Eska. 

 

Filtri: Musicus Concentus, Musica, 2008

XING

Flora 2007

Flora 2007 - 0 Flora 2007 - 1 Flora 2007 - 2

1/3

19.10.2007

Negli spazi di Cango, XING presenta Flora, un progetto nato dall'esperienza di Netmage festival e realizzato per l'Osservatorio per le arti contemporanee dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze. 

Il programma si apre con Bissera, opera multi-schermo creata dagli artisti multimediali Invernomuto e la fotografa Moira Ricci. Segue Circo Togni Home Movies, un insieme di rari film in 8mm della famiglia Togni, restaurati da Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia e La Camera ottica, e rimontati su quattro schermi dal film-maker Mirco Santi, Paolo Santi e Giulio Bursi accompagnati dal contrappunto di chitarre, oggetti ed elettronica di Andrea Belfi e Stefano Pilia. 

Altro registro per il progetto Hells & Bells del duo OLYVETTY, composto dall'artista visivo e musicista Riccardo Benassi e del musicista Claudio Rocchetti. Un ritorno su toni più delicatamente cinematici è rappresentato dalla nuova produzione All the way alive (Air Trees Water Animal) nata dall'inedita collaborazione tra l'artista multimediale Andrea Dojmi e il musicista Flushingdevice. Quasi sinfonico, infine, il teso confronto di For It Happens Alike With Man and Beast; As The Beast Dies, So Man Dies, Too, con le immagini create dal filmmaker inglese Andrew L. Hooker, 'orchestrato' dal trio elettroacustico 3/4HadBeenEliminated.

 

 

 

 

 

 

 

Filtri: XING, Musica, Cinema, Arti visive, 2007

Musicus Concentus

Matmos in concerto

12.10.2007

La stagione dei concerti di Tradizione In Movimento del Musicus Concentus si è aperto con un evento speciale: i Matmos al Teatro della Pergola di Firenze.

Il duo californiano Matmos è alfiere di una nuova sensibilità musicale, trait d’union di differenti esperienze, la ricerca elettronica ed il confronto con le nuove tecnologie, la sintesi tra sonorità legate alla musica colta ed al pop. Lo straordinario duo elettronico, composto da  M.C. Schmidt e Drew Daniel, di base a San Francisco, ha suonato a Firenze nuove composizioni e ha presentato nuovi video, tra cui anche musica realizzata di recente insieme a Robert Ashley.

Negli ultimi anni i Matmos con una felice sequenza di cd e concerti hanno dimostrato come sia possibile produrre musica partendo dalle registrazioni delle fonti più varie: amplificando i tessuti nervosi di un crostaceo, campionando i suoni di sedute di liposuzione e chirurgia estetica, usando microfoni a contatto con varie parti del corpo umano, ed ancora ricorrendo ad i suoni e rumori che producono insetti e strumenti musicali, oggetti d’uso quotidiano e voci umane…. 

 

 

Filtri: Musicus Concentus, Musica, 2007